Home / Conserve / Melanzane sott’olio
Melanzane sott'olio

Melanzane sott’olio

Ogni anno, di questi tempi, mi cimento nella realizzazione delle melanzane sott’olio. Questo è il periodo perfetto per preparale in quanto il prezzo è basso ed io ho ancora qualche giorno di ferie per cimentarmi con questa ricetta, un po’ lunga, ma molto semplice. Vi dico subito che io adoro le melanzane sott’olio e, a ragion veduta, considero questa prelibatezza come la regina delle conserve italiane. In inverno, poi, la mia scorta, diventa un tesoretto da utilizzare in qualunque occasione speciale, anche come simpatico regalo natalizio che, vi assicuro, è sempre ben accetto. Se non vi siete mai cimentati nella realizzazione di questo classico della cucina meridionale, la mia ricetta potrebbe darvi l’occasione giusta per provarci!

Melanzane sott'olio

Melanzane sott’olio

Costo TotaleQuantità Costo Totale
Difficoltà
Costo Totale

Tempo di Preparazione Totale

Costo TotaleCosto
4 vasetti Media 18 ore € 5,00

Ingredienti: Preparazione:
  • 2,5 kg. di melanzane
  • 8 spicchi d’aglio
  • 4 peperoncini
  • olio d’oliva q.b.
  • 500 ml. di aceto
  • 300 ml. di acqua
  • sale grosso q.b.
  • 4 vasetti ermetici
  • 4 presselli salvagusto
Per prima cosa sterilizziamo i vasetti. Ci sono diversi modi per farlo, ma io, per praticità vi indicherò quello effettuato in forno.

Accendete il forno e portatelo a 100°, inserite i vasetti senza tappo per 5/10 minuti. Spegnete il forno e, quando sarà scesa un po’ la temperatura, inserite anche i tappi e lasciateli fino al raffreddamento del forno.

Cominciamo con la ricetta:

Private le melanzane del picciolo e tagliatele a dischi spessi circa mezzo centimetro. Dividete poi i dischi in striscioline larghe all’incirca 1 cm.

In un contenitore capiente posizionate uno strato di melanzane e cospargetelo di sale. Effettuate questa operazione di stratificazione fino all’esaurimento delle melanzane. Alla fine mettete un peso sul contenitore (Io ho messo una pentola piena d’acqua).

Lasciate riposare per circa 5/6 ore affinché il sale faccia uscire dalle melanzane tutto il liquido di vegetazione.

Finito questo procedimento, scolate tutto il liquido dal contenitore e cominciate a strizzare per bene tutte le melanzane aiutandovi con le mani.

Lavate il recipiente appena utilizzato e riempitelo poi di acqua ed aceto. Rimettete le melanzane al suo interno e lasciate che riposino per altre 5 ore.

A questo punto scolate nuovamente tutto il liquido, strizzate con cura tutte le melanzane e adagiatele su di una tovaglia di cotone, allargandole per bene e facendole asciugare per altre 5 ore.

Quando saranno ben asciutte, rimettetele nel contenitore e conditele con 6 spicchi d’aglio tritato finemente, 4 peperoncini tritati ed un bicchiere d’olio. Amalgamate per bene aiutandovi sempre con le mani.

Riempite i quattro vasetti lasciando liberi circa 2 cm. dal bordo. Versate l’olio d’oliva fino a coprire interamente le melanzane. Mettete, infine, i presselli, schiacciate per bene e lasciateli agire per circa 1 ora affinché eventuali bolle d’aria fuoriescano dal vasetto.

Chiudete i vasetti ermeticamente e conservateli in dispensa. Consumatele a partire da almeno due settimane dopo. Io di solito le lascio a riposo almeno un mese.

6 commenti

  1. Concordo in pienissimo con quello che hai scritto… anche io adoro le melanzane… soprattutto quelle sott’ olio… ed è per questo che ogni anno ne faccio tantissime… e anche le mie vanno in parte a finire come regalo di Natale… 🙂
    Il procedimento è molto simile al mio… io però ho tempi più lunghi…. ahahah, sale 12 ore, aceto (senza acqua) 24 ore… per il resto tutto uguale… ah, ci aggiungo oltre al peperoncino anche un pò di menta…

    Ciao!

    • Ciao Lucia ,grazie dei complimenti.in effetti ci sono vari modi per prepararle,io le faccio cosi’ come mi ha insegnato mia nonna, per lo piu’ siciliana .Anche per i condimenti come te’ alcuni mettono la menta ,altri l origano specie in calabria ,altri in basilico ,sono sempre ottime .ciaooo a presto

  2. Ciao, proverò questa tua ricetta poi ti saprò dire. Grazie della condivisione 😛

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*