Le ultime 10 ricette pubblicate:
Home / Sfiziosità / Taralli napoletani

Taralli napoletani

Oggi voglio proporvi una delizia senza pari, i taralli napoletani con sugna e pepe o, come si dice in Campania, n’zogna e pep’! I taralli  napoletani sono una sorta di biscotto salato, sono preparati con un impasto di farina, strutto, sale e pepe a cui si aggiunge anche una bella dose di mandorle tostate e tritate! I taralli sono davvero uno snack buonissimo, hanno un solo gran difetto, che quando cominci a mangiarli, uno tira l’altro ed è davvero difficile fermarsi. Io li ho provati la prima volta proprio a Napoli e ne rimasi subito colpita per quel classico sapore rustico e deciso! I taralli napoletani rappresentano un delizioso spuntino, soprattutto se serviti con una birra ghiacciata, ma volendo possono essere usati al posto del pane per accompagnare salumi o formaggi…in effetti, pensandoci bene, ogni occasione può essere buona per gustare dei taralli napoletani!

Taralli napoletani

Taralli napoletani

QuantitàQuantità Difficoltà
Difficoltà
Tempo di preparazione totale
Tempo di Preparazione Totale
Costo TotaleCosto
4 persone Media 3 ore e 35 minuti € 6,00

Ingredienti: Preparazione:
  • 500 gr. di farina Caputo
  • 200 gr. di mandorle
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiaini di pepe
  • 150 gr. di strutto
  • 1 cubetto di lievito
Cominciate preparando il cosiddetto lievitino: fate, cioè, sciogliere in un bicchiere d’acqua tiepida il lievito sbriciolato e poi aggiungete 100 gr. di farina. Impastate per bene e quando il composto sarà sodo, lasciatelo riposare per un’ora, coperto con un canovaccio.

Nel frattempo mettete il resto della farina in una ciotola ed unitevi il sale ed il pepe. Amalgamate il tutto.

Adesso tostate 100 gr. di mandorle per qualche minuto e poi tritatele in maniera grossolana. Unitele alla farina.

Versate la farina su di una spianatoia e fate la classica fontana. Aggiungete 150 gr. di strutto ed il lievitino. Lavorate il composto incorporando acqua quanto basta. Una volta che l’impasto sarà sodo ed omogeneo, lasciatelo riposare per ancora un’ora, sempre coperto con un canovaccio.

Trascorso il tempo, staccate delle piccole palline di impasto e, lavorandole con le mani, allungatele fino ad ottenere dei rotolini sottili di 15/20 cm. di lunghezza. Prendetene 2, attorcigliateli insieme facendo due o tre giri e poi richiudeteli ad anello, sigillando le estremità. Fate questa operazione fino ad esaurire l’impasto.

Mettete tutti i taralli su di una teglia con carta da forno e poi guarniteli con le mandorle rimaste, mettendone due per ogni tarallo, facendo una leggera pressione. Lasciateli ancora a riposo per 30 minuti e poi infornateli per 15 minuti a 200°, poi abbassate la temperatura a 160° e cuocete per altri 15 minuti ed infine abbassate ancora la temperatura portandola a 140° e cuocete per gli ultimi 15 minuti. Questo ultimo procedimento vi servirà per biscottare i vostri taralli napoletani!

Print Friendly

2 commenti

  1. Sublimi, belli e gustosi, congratulazioni, un caro saluto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*