Calamari ripieni

0
13
Calamari_ripieni

I calamari ripieni sono un piatto tradizionale della cucina italiana, che si presta bene sia come secondo piatto che come antipasto.

La carne di calamaro è molto tenera e saporita, ed è quindi ideale per essere farcita. Inoltre, la forma allungata dei calamari si presta bene alla cottura ripieni.

Ingredienti per 4 persone:

3 calamari di circa 3 etti l’uno
1 uovo
1 grossa patata
Un etto di Mortadella
1 etto di parmigiano grattugiato
Aglio
Prezzemolo
Vino bianco
Una bottiglia di passata di pomodoro
Sale quando basta
Peperoncino
Olio extravergine di oliva

Preparazione dei calamari ripieni

Pulire bene i calamari senza romperli. Lessare la patata e successivamente passarla allo schiacciapatate. Farla raffreddare e poi unire l’uovo, il parmigiano la mortadella tritata (molto fine), un po’ di aglio e prezzemolo tritati, sale.

Con questo impasto riempire i calamari (non devono essere troppo riempiti in quanto con la cottura potrebbero rompersi) chiudere ogni calamaro con uno stuzzica dente.

In una padella mettere un po’ di olio con aglio e prezzemolo tritati, far soffriggere da entrambi i lati i calamari e bagnarli con un po’ di vino bianco.

Aggiungere la passata di pomodoro e a chi piace un po’ di peperoncino. Far cuocere per almeno 20 minuti e a metà cottura fare un piccolo foro nei calamari con uno stuzzica dente per evitare che si rompano.

Questa ricetta è buonissima anche utilizzando il nero del calamaro aggiunto al pomodoro.

Qualche approfondimento sui calamari

Esistono molti tipi di calamari, ma hanno tutti un corpo lungo e tubolare e otto braccia. Alcuni calamari possono spruzzare inchiostro e altri possono cambiare colore.

I calamari si trovano nelle acque oceaniche calde e fredde di tutto il mondo. Sono un’importante fonte di cibo per molti animali, compreso l’uomo.

Sono imparentati con polpi e seppie. Tutti e tre questi animali hanno una cavità piena d’acqua nei loro corpi che li aiuta a rimanere galleggianti. Questa cavità è chiamata mantello.

Il mantello di un calamaro è molto più grande della testa e delle braccia. I calamari usano il loro mantello per pompare l’acqua attraverso i loro corpi. Quest’acqua aiuta il calamaro a muoversi e aiuta anche il calamaro a respirare.

Le braccia di un calamaro sono molto lunghe e hanno delle ventose. Le ventose aiutano i calamari a catturare la preda. La bocca del calamaro è al centro delle sue braccia.

Gli esseri umani mangiano i calamari da migliaia di anni. In alcune culture, il calamaro è considerato una prelibatezza. In altre culture, è solo un alimento comune.

Il calamaro è povero di grassi e ricco di proteine. È una buona fonte di vitamine e minerali.

I calamari possono essere cucinati in molti modi diversi. Possono essere grigliati, fritti, al forno o bolliti. Si possono consumare anche crudi.

Quando i calamari sono cotti, diventano bianchi. Hanno un sapore delicato, leggermente dolce. Il calamaro è spesso usato nella cucina asiatica. È un ingrediente comune nel sushi.

Previous articleSeppie gratinate e rucola
Next articleCardi alla parmigiana
Lucrezia Trevino
Buongiorno a tutti, piacere di conoscervi! Mi chiamo Lucrezia e sono la più grande fan di mia mamma! Dopo un diploma in conservatorio ho scelto di affiancare mia mamma e aiutarla con le pubblicazioni sul suo sito, scoprendo in me una passione per il food che mai avrei immaginato! Quando non scrivo ricette qui mi potreste probabilmente trovare a suonare il violino o a passeggiare con il mio cane Tobias.