Vellutata di carote viola

0
13
Vellutata_di_carote_viola

Delicata, cremosa e dal colore viola intenso, la vellutata di carote è una sontuosa zuppa invernale che può essere servita come piatto unico o come primo. La ricetta è semplice e veloce da preparare, ma il risultato è un piatto davvero gourmet.

Le carote viola sono una varietà particolarmente dolce e aromatica di questo ortaggio, quindi se non riuscite a trovarle potete usare delle semplici carote gialli o arancioni. In ogni caso, il colore viola donerà alla vostra vellutata un tocco di classe in più.

Per la preparazione della vellutata di carote viola occorrono solo pochi ingredienti: carote, brodo vegetale, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Potete aromatizzare la zuppa con della noce moscata o dello zenzero fresco grattugiato.

La cottura delle carote è molto importante per ottenere una vellutata cremosa e senza grumi: non cuocetele troppo, altrimenti diventeranno una purea. Se preferite una zuppa più densa, potete frullare solo metà delle carote e lasciare l’altra metà a pezzetti.

Servite la vellutata di carote viola ben calda, accompagnata da crostini di pane tostato o da una bella cucchiaiata di yogurt greco. Deliziosa!

Ingredienti:

600 g di carote viola
1 litro di brodo vegetale (con il bimby 500 g)
3 cm di zenzero fresco
½ cipolla di Tropea
2 cucchiai di olio evo
Sale
Stracchino cremoso

Preparazione della vellutata di carote viola

Pelare le carote e tagliarle a rondelle. Soffriggere leggermente nell’olio la cipolla tritata e lo zenzero grattugiato, aggiungere le carote, insaporire un minuto e coprire con il brodo. Salare e cuocere con coperchio finché le carote non si saranno ammorbidite.

A fine cottura ridurre in crema con il frullatore ad immersione. Unire 3 cucchiai di stracchino e amalgamare. Servire aggiungendo un cucchiaio di stracchino in ogni piatto.

Con il Bimby:
Mettere nel boccale la cipolla, 4 sec./vel. 6, aggiungere lo zenzero grattugiato e l’olio 3 min./90°/vel. 1. Unire le carote pelate tagliate a tocchetti, 500 g di brodo vegetale e il sale, 40 min./90°/vel. 1. A fine cottura omogeneizzare 10 sec./Vel. turbo.

Unire 3 cucchiai di stracchino, 5 sec./Vel. 7. Servire aggiungendo un cucchiaio di stracchino in ogni piatto.

Qualche approfondimento sullo stracchino

Lo stracchino è un formaggio fresco ottenuto dalla cagliata di latte vaccino intero pastorizzato. La sua pasta è molto morbida e il suo sapore è delicato. Questo formaggio, che deriva da una tradizione lombarda, è ottenuto esclusivamente da latte italiano.

La sua stagionatura è molto breve, circa 15 giorni, e questo lo rende un formaggio estremamente fresco.

Lo stracchino è molto versatile in cucina e può essere utilizzato in diversi modi: può essere gustato da solo, come aperitivo, oppure può essere utilizzato come ingrediente in diversi piatti, come ad esempio la famosa polenta con lo stracchino, un piatto tipico della Lombardia.

Previous articleRisotto alle carote viola
Next articleBiscottini da colazione
Lucrezia Trevino
Buongiorno a tutti, piacere di conoscervi! Mi chiamo Lucrezia e sono la più grande fan di mia mamma! Dopo un diploma in conservatorio ho scelto di affiancare mia mamma e aiutarla con le pubblicazioni sul suo sito, scoprendo in me una passione per il food che mai avrei immaginato! Quando non scrivo ricette qui mi potreste probabilmente trovare a suonare il violino o a passeggiare con il mio cane Tobias.